Salviamo il Lago D'Idro  
 
« BACK      
 
     
 
Il carnevale 2005 a Ponte Caffaro.

La gente del lago soffre in prima persona per la malattia di cui il lago afflitto.
Ciascuno esprime e manifesta spontaneamente le sue preoccupazioni per la situazione attuale: anche le maschere.
Sono stati numerosi i carri che avevano a tema la salvezza del lago, e c' stato addirittura un corteo funebre che distribuiva una emblematica poesia in dialetto.


 
 
LAC' DE IDER
(MALI ESTREMI, ESTREMI RIMEDI)


Le rià carneal
èl ns lac' töc che vol palpàl
Le come n portafòi
tanc che völ tiran föra e pòc che vö1 metin tre
Con na scusa o con natra
se möf po gna la barca
Al demanio pagom l posto
ma sènsa acqua ghe pö gn l porto
De alghe e mèlma ghe piena la ria
e ps prsc sen troa mia
l Iac' de Ider le proprio bl
ma nes i vol dac n livl
E noatre, che che abitom,
l posibile che i se pc cüntom ?
Ma dopo n sac de begade e riuniu
om troada la solusi
Chi dla bsa i vol lasàc a boca söta
perch sen la campagna no la böta
Anche se de acqua no ghe ne
i dis la vólo apena me
E se chi del cafèr, sito i far,
l lac' vöt i se troar.
Probabilmente pasarom per dei ciochet
n verit sum dei bontemp;
n poche parole se l nos lac' volom salv
altra strada no ghe sar.
Ve envidom töc a bier, e a salud chèsta giornada,
n ria al lac' con na bla pisada!


TUTTI INSIEME ALZIAMO LA VOCE, ALTRO LAGO NON ABBIAMO FACCIAMO SENTIRE CHE QUALCOSA CONTIAMO.
Corteo funebre
Corteo funebre
Corteo funebre
Corteo funebre