Salviamo il Lago D'Idro  
 
« BACK      
 
     
 
Da "IL CITTADINO", il 1 ottobre 1906.

" Nell'alta Vallesabbia ferve una viva agitazione contro il progetto della riduzione del lago d'Idro a serbatoio artificiale. In questi giorni venne largamente diffuso il seguente manifestino:
Scuotiamoci! Il tempo urge.
Una societÓ organizzata, dopo assidui erculei sforzi, Ŕ prossima ad ottenere dal Governo i necessari decreti di autorizzazione per ridurre il lago d'Idro a serbatoio artificiale. Innanzi all'immane realtÓ che molte autorevoli persone appoggiano il malaugurato progetto, noi dobbiamo energicamente lottare per impedire lo immane disastro.
Chi non ricorda i tempi tristi, prima dell'abbassamento dell'alveo del Chiese, quando gli abitanti di questi paesi lacustri camminavano quali cadaveri ambulanti, affetti da febbre malarica, da pellagra, da idropisia?
In nome dell'igiene pubblica, per l'amore dei figli che sani e forti devono servire i genitori e la patria, con forze unite opponiamo la pi¨ fiera resistenza. Non ci vincano le varie lusinghe di lucro, nÚ le proposte soluzioni per isventare pericoli di. danni reali o supposti, ma sempre secondari, memori che sarÓ sempre impagabile il terribile danno che audacemente si attenta apportare alla salute pubblica ".